Pubblicato il Lascia un commento

OrgOLIO: i meriti dell’olio extra vergine di oliva

Diario di bordo, 12 marzo 2020

Vabbè, visto che #iorestoacasa, oltre a terminare la scrittura di un paio di libri a quattro mani con la dott.ssa Sabrina Pupillo e grazie alla costante fiducia della Fondazione ITS – Agroalimentare Puglia, proviamo a fare uno scatto di passione e orgoglio. Cerchiamo di sentirci più vicini e riscaldare i muscoli per una preziosa presa di coscienza del nostro amato patrimonio italiano.
Ho pensato di avviare fino al 3 aprile delle dirette Facebook periodiche dal titolo #OrgOLIO, per raccontare ai più piccoli la storia dell’olivo e dell’olio e chiacchierare con i più grandi per approfittare di questa situazione per confrontarsi sulla cultura dell’olio extra vergine di oliva.
Mamme, papà, ristoratori, chef, appassionati, insegnanti, amici vicini e lontani, vi aspetto e battete un colpooooooooo.

Clicca sull’immagine per accedere alla pagina Facebook e partecipare alla diretta

 

Pubblicato il Lascia un commento

Gastarea: musa del Gusto

L’Emilia Romagna che non ti aspetti, dove tradizione e innovazione convivono con gusto e genialità.
In quella linea di confine tra l’Emilia e la Romagna, lontano dal quadrilatero della bella Bologna, ho avuto modo di ammirare Castel San Pietro Terme e scoprire il ristorante Gastarea.
Ambiente raffinato, discreto, con un’ottima selezione di vini e lì, personale appassionato al proprio lavoro comincia a raccontare quello che di buono si potrà scoprire a tavola.
Ingredienti dai nomi familiari come mortadella, aceto, tortellini, fagioli, coniglio, patate, rosmarino e spaghetto non fanno presagire quello che sarà il futuro.

Comincia tutto con un gelato al porro e alla mandorla salata, affiancato ad uno steccato bolognese di mortadella e caviale di bassa romagna.
Una delizia che disorienta un attimo, ma sei subito preso dal cannellone di rapa rossa e ricotta di capra condito con aceto di sedano.
Sono un agronomo, non certo un cosiddetto “food blogger” o “gastronomo”, quindi, mi limito a raccontare delle emozioni senza tanti giri e giretti enfatizzanti.
Il primo piatto è molto interessante, perchè già dall’aspetto incuriosisce e poi, al palato, si mostra nella sua disarmante armonia e unicità. Una minestra di fagioli fermentati cotti nel sedano rapa con un tortellino ripieno di solo Parmigiano Reggiano DOP.
Nel frattempo conquista la tavola uno spaghetto alle sarde con uva fermentata e salsa di pinoli, davvero interessante.

E il secondo?

Una cotoletta di coniglio accompagnata con salse in ricordo della cacciatora.
Nel viaggio sono stato accompagnato da un “Dracone 2015 DOP”, oltre a pane e grissini fatti davvero in cucina.

Poi, ad un tratto mi dicono: “Pronto per le patate al rosmarino?”.
Io che a tavola sono nato pronto non potevo certo rifiutare, salvo poi scoprire che all’interno c’era un cuore caldo di cioccolato fondente. Davvero una bella idea!
E ora?
Un gelato con meringa al timo su salsa ai mirtilli, per poi rilassarsi con un raviolo romagnolo.
Prima di conquistare la via d’uscita un’eccellente Sambuca fina Colazingari.

Vi starete chiedendo: morale della favola?
La tavola è convivio e con la buona compagnia le serate non finisco mai.
L’arte in cucina è di chef bielorusso Dmitry Galuzin, anno di nascita 1988 che ha studiato in un istituto alberghiero italiano e combina tradizione e innovazione con umiltà unica e grande attenzione. Ovviamente, nei suoi piatti si ritrova in qualche tratto la cultura culinaria della sua terra di origine.
Nota di pregio: nella preparazione e cottura delle carni è davvero eccezionale.

Ecco, stasera ho imparato che la cucina è la massima espressione della contaminazione e dell’arte, oltre ad avere la conferma che spesso termini come tradizionale, artigianale, qualità, naturale, tipicità sono usate a sproposito e, purtroppo, oggi esprimono sempre meno verità.
Complimenti Gastarea www.ristorantegastarea.it

P.S.:
Durante la cena e la stesura dell’articolo non è stato sottoscritto alcun accordo di sponsorizzazione di prodotti, strutture, servizi.
I nomi e i fatti narrati non sono puramente casuali e non sono frutto di immaginazione, ma la conseguenza di un sempre più raro sentimento che dovremmo essere in grado di provare ogni giorno: emozione.

Pubblicato il Lascia un commento

Etichettatura alimentare, denominazione di origine e tanta bellezza…

Grazie alla preziosa collaborazione con la Fondazione ITS Agroalimentare Puglia (www.itsagroalimentarepuglia.it) ho scoperto un angolo di Puglia vero, essenziale, bello ed entusiasmante.
La Fondazione ha infatti attivato un corso di Tecnico Superiore per la valorizzazione dei prodotti locali di qualità nella città di Troia (FG) una perla incastonata nei Monti Dauni.
Il compito in qualità di docente è stato quello di raccontare il mondo le normative legate all’etichettatura alimentare e alle Denominazioni di Origine, passando per la tracciabilità, rintracciabilità e i MOCA (Materiali e Oggetti a Contatto con gli Alimenti). Nel percorso anche un approfondimento sul Consorzio di Tutela Arancia del Gargano IGP e del Limone del Gargano IGP grazie alla preziosa collaborazione della dott.ssa Sabrina Pupillo (agente vigilatore del Consorzio).
In questo territorio la bellezza si tocca con mano, dalla cultura del borgo storico al gusto delle sue eccellenze agroalimentari.
Ma la vera ricchezza risiede nelle persone: un gruppo di corsisti appassionati, interessanti a migliorare il proprio territorio e la propria formazione, guardare all’innovazione tecnologica e, soprattutto, in grado di percepire che la vera bellezza risiede nei rapporti umani e nella capacità di fare gruppo.
Questa esperienza porterà certamente i suoi frutti, grazie alla lungimiranza dell’ITS Agroalimentare Puglia e alla voglia di conoscenza e di futuro che ogni corsista sarà in grado coltivare.

“… ma che bello il mio tempo, che bella compagnia…”

Pubblicato il Lascia un commento

Riflessi delle frodi alimentari sulla Salute

E’ stato un vero onore partecipare il 18 ottobre 2019 all’evento promosso dall’ITS Agroalimentare Puglia in occasione della Settimana dell’Alimentazione presso l’I.I.S.S. Perrone di Castellaneta.
Tema dell’incontro: “Riflessi delle frodi alimentari sulla salute“.

A relazionare sul tema:
Magg. Linda Malzone – Ufficiale addetto presso il Reparto CC
Tutela Agroalimentare Salerno
Com.te Emanuele Imperiale – Comandante NAS Carabinieri di Taranto
Dott. Francesco Giovinazzi – Responsabile dell’Ufficio d’Area di Lecce Dipartimento dell’Ispettorato Centrale della Tutela della Qualità e della Repressione Frodi dei Prodotti Agro-Alimentari di Lecce, Brindisi e Taranto

E’ fondamentale creare un consumatore consapevole in grado di fare una scelta legata alla qualità; così come è sempre più importante avere un produttore formato e informato in termini di etichettatura e trasparenza.

Un grande onore aver relazionato sul tema e aver ascoltato gli interventi di chi opera a tutela della nostra Salute e vigila sulle frodi nel comparto agroalimentare. Molto bello e gratificante seguire i tanti quesiti dei ragazzi sul tema.

Pubblicato il Lascia un commento

La valorizzazione dei prodotti locali

Giovedì 1 agosto 2019 alle ore 19:00 presso l’agriturismo Biorussi di Carpino, convegno sul tema: “La valorizzazione dei prodotti locali”.

Interverrano:

LA FORMAZIONE PROFESSIONALIZZANTE PER LE PRODUZIONI DI QUALITA’
Dott. Giuseppe Maggi (Coordinatore ITS Agroalimentare Puglia)

TECNICHE DI ESTRAZIONE E CONSERVAZIONE DELL’OLIO EVO
Pietro Leone (Mastro oleario Oleificio Cericola)

IL VALORE DELL’OLIO NUTRACEUTICO
Dott. Cosimo Damiano Guarini

CONOSCERE LA QUALITA’ DEI CEREALI
Dott. Giovanni Laidò – Dott.ssa Donatella B.M. Ficco (Ricercatori CREA)

SCIENZA E ARTE NELLA PREPARAZIONE DELLA PIZZA
Domenico Di Noia (Mastro pizzaiolo, Le Macine)

IL MARKETING E LA COMUNICAZIONE NELLA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI DA FORNO
Dott. Pascal Barbato (Maestro panificatore, Fulgaro Panificatori)

MODERA
Dott.ssa Sabrina Pupillo (Responsabile CNA Alimentare Foggia)

Pubblicato il Lascia un commento

Sà Puglia… Sapere per gustare

Alla scoperta del sapere tra storia, analisi sensoriale e gusto.

L’ITS Agroalimentare Puglia in collaborazione con il CRSFA di Locorotondo e il GAL Alto Salento, nella prestigiosa sede dell’ex macello di Ostuni, darà vita ad una serie di eventi per scoprire i prodotti agroalimentari della terra di Puglia.

Dall’olio al vino, passando per i formaggi e la frutta, tra ortaggi, pesce e capocollo di Martina Franca.

Un viaggio tra la terra e il mare, per portare in tavola qualità e gusto.

Le analisi sensoriali sull’olio saranno realizzare in compagnia con il dott. Giuseppe Maggi e la TS Barbieru Patricia Emilia.

Pubblicato il Lascia un commento

A cena con Fabrizio De André

CANZONE PER L’ESTATE
Canzone scritta nel 1973 da Francesco De Gregori e Fabrizio De Andre. Racconta lo stesso De Gregori: “Passammo quasi un mese da soli nella sua bellissima casa in Gallura. Fabrizio beveva e fumava tantissimo e io gli stavo dietro con un certo successo”.

In questa splendida estate 2019 sono imbarazzato ed emozionato nel rivivere idealmente quell’incontro tra due grandi artisti.

Il 20 luglio, la sera prima del concerto di Francesco De Gregori in Piazza Ciaia a Fasano, il “Capobanda” Guido Guglielminetti presenta in Viale Toledo alla Selva di Fasano il suo libro “Essere… basso”. Un vero piacere per me introdurre la presentazione e rincontrare un caro amico con gli amici Pier Francesco PalmariggiFrancesco Pepe e il Sindaco di Fasano Francesco Zaccaria.

Un’attesa di pochi giorni e il 9 agosto nella Città Bianca di Ostuni, nel magico scenario dell’ Hotel Ostuni Palace ci sarà un evento unico nel suo genere. Non provate ad immaginare qualcosa di simile perché non c’è mai stata.
Un grande amico, il Maestro Mark Baldwin Harris, polistrumentista e per molti anni al fianco di Fabrizio De André. Giusto per citare due cose a caso: è sua la voce dell’Ave Maria in sardo ed è sempre suo il mitico “Do di petto” in Volta la Carta.
“A cena con Fabrizio De André” nasce dalla voglia, a vent’anni dalla scomparsa del grande artista, di immaginare che lui “tornerà in una notte d’estate, l’applaudiranno le le stelle incantate”, tra contaminazione di musica, cibo mediterraneo e condivisione.
La preziosa arte dello chef Antonio Marraffa, che ha creato un suggestivo menù con gli ingredienti tratti dalle canzoni di De André, si unirà alla Maestria umana e musicale di Mark Baldwin Harris.
Una serata magica sotto le stelle, emozionante, unica.
A me il compito di dialogare con l’artista per scovare aneddoti, storie, curiosità ed emozioni.
Oltre alla preziosa collaborazione della proprietà dell’hotel Ostuni Palace, si ringrazia per il sostegno Farina PianofortiGranonero CoffeeStoreOlivhealthPoderi Angelini e Culturaatavola.
Nei prossimi giorni vi racconterò il menù, la musica e tanto altro…
La qualità della vita passa dalla tavola e dalla musica: vi aspetto!!!!!!!!!

PER INFO E PRENOTAZIONI: Tel. 0831.338885

Video dell’evento “A cena con Fabrizio De André”

https://www.facebook.com/watch/?v=2522633207779627

Pubblicato il Lascia un commento

AgriCultura: tra bellezza e musica

Il 20 luglio introdurrò la presentazione del libro “Essere…basso” dell’amico e grande artista Guido Guglielminetti produttore e “Capobanda” di Francesco De Gregori.

Conobbi Guido qualche anno fa, mentre ero in direzione Salone del Libro di Torino per la presentazione del mio libro “La grande storia dell’ulivo”.

Due chiacchiere, la passione per la musica, le canzoni di De Gregori che da sempre accompagnano il mio lavoro e poi, quell’artista che anni fa decide di produrre olio extra vergine di oliva in quel di Spello.

Insomma, agricoltura e cultura hanno la stessa storia… perchè la Storia siamo noi.

 

Pubblicato il Lascia un commento

A macchia d’olio: spettacolo e degustazione a Mola di Bari

Lunedì 24 giugno 2019 presso il frantoio ipogeo recuperato nel cuore della città di Mola di Bari, ho preso parte ad una degustazione culturale dove l’olio e l’olivo erano presenti in varie forme.

Ad introdurre la serata nello splendido scenario del frantoio ipogeo la dott.ssa Maria Antonietta Colonna, consigliere comunale delegato alla valorizzazione del patrimonio rurale ed eno-gastronomico della città.

L’evento rientrava nella manifestazione GustiaMola, con un folto cartellone di attività per far vivere il territorio e le bellezze storiche che lo arricchiscono.

All’attore Angelo Tanzi è stata affidata la lettura e magistrale interpretazione di alcune storie tratte dal libro “A macchia d’olio”, dove tra poesie, filastrocce, racconti, storie della tradizione, si evoca la magia dell’olivo e dell’olio nella cultura dei popoli del mediterraneo.

A seguire, prima di passare all’assaggio, l’agronomo Cosimo Damiano Guarini ha guidato i presenti in un viaggio alla scoperta dell’olio extra vergine di oliva, tra falsi miti e luoghi comuni, per comunicare con leggerezza e passione i “segreti” su come riconoscere un olio di qualità.

In degustazione gli oli: Frantoio Griseta di Mola di Bari, Frantoio Intini di Alberobello e Frantoio Giovanni Petruzzi di Fasano.

 

Pubblicato il Lascia un commento

Gran Premio Internazionale di Venezia 2019: riconoscimento speciale per meriti professionali

Quando cominci da zero e pensi a quello che può capitarti, spesso si è orientati a immaginare difficoltà professionali e grandi sfide. Poi immagini di scrivere un libro(LovOlio), un secondo (Lovolio Puglia), un terzo (La grande storia dell’Ulivo), uno studio sulla valorizzazione salutistica dell’olio extra vergine di oliva da ulivi monumentali, poi fondi la startup innovativa Olivhealth e tra poche settimane vedrà la luce un quarto libro (sarà una sorpresa tra pochi giorni e ringrazio la Fondazione ITS – Agroalimentare Puglia per la fiducia).
Nel frattempo, nonostante i 35 gradi odierni, fai un salto a Roma per una grande e, con un pizzico di emozione, inaspettata sorpresa.
Dopo Pino Insegno e altri prestigiosi attori, registi, imprenditori ed eccellenze del “fare ed essere Italia”, ricevo:

“Riconoscimento speciale come miglior azienda per Olivhealth”;

“Riconoscimento speciale per meriti professionali come agronomo e scrittore”;

La nomination 2019 per il GRAN PREMIO INTERNAZIONALE DI VENEZIA.

Immensamente grazie a chi mi sopporta quotidianamente e a chi, anche con un semplice gesto, dimostra il suo affetto e stima per i miei progetti.
Un grazie agli amici  Svetlana Nesterenko, Gabriele Vaccaro e Piero Vinci per la preziosa attenzione dedicata al mio lavoro.

GUARDA IL VIDEO DELLA NOMINATION: https://youtu.be/2Iw–yqpe-s